Tante volte, capita di dover obbligatoriamente trascorrere del tempo in attesa di qualcosa o di qualcuno. Può essere un autobus, un treno, un amico, la fidanzata, una fila per ritirare qualche documentazione burocratica. Volenti o nolenti, non è raro aver bisogno d’ingannare il tempo. Da qualche anno, grazie ai telefoni cellulari e ai social, è diventato più semplice rendere le attese meno noiose, ma non sempre ciò è sufficiente a renderle interessanti. Capita che il telefono non prenda o che non ci sia nessuno disponibile in chat, che la batteria sia scarica o che semplicemente non si abbia voglia di interagire virtualmente. In questi casi si passa alla telefonata ad un amico o a un parente, ma ancora una volta sorgono le medesime problematiche e non è inusuale che annoiarsi resti l’unica “soluzione” a disposizione.

A Grenoble, in Francia, una casa editrice, la Short Édition,  nata grazie alla lungimiranza del Réseau Entreprendre, un gruppo d’imprenditori francesi che finanzia idee innovative, ha inventato e posizionato in otto punti strategici della città, tra cui l’ufficio del turismo di Grenoble, la biblioteca centrale e il municipio, otto distributori di color nero e arancio, che permettono di scaricare materialmente e gratuitamente, deliziosi racconti brevi, stampati su fogli di carta che hanno la stessa consistenza di uno scontrino.

Il più convinto sponsor dell’iniziativa è stato il sindaco della città francese, Eric Piolle, che è convinto che il progetto faccia da volano alla diffusione della cultura, incuriosendo i cittadini e spingendoli ad avvicinarsi in numero sempre maggiore alla lettura.

L’idea è venuta a Christophe Sibieude, il co-fondatore di Short Édition, quando, guardando un distributore di cioccolato, insieme ad alcuni collaboratori, ha pensato di imitare il sistema, per aiutare le persone ad ingannare i tempi morti delle attese, utilizzando la letteratura al posto del cioccolato.

La comunità di scrittori che ruota intorno alla Short Édition è molto ampia (circa 5.000 autori) e ogni settimana il sito internet della casa editrice riceve migliaia di storie. Ogni volta, la comunità online effettua una votazione, per decidere quali storie destinare ai distributori e quali a una pubblicazione stampata o in e-book. Si spazia dal genere umoristico all’horror, stando sempre molto attenti che i racconti siano adatti anche ai più piccoli.

E’ possibile selezionare il formato, scegliendolo da uno, tre o cinque minuti. Poi, basta schiacciare il pulsante e prelevare il racconto. Si può decidere soltanto il tempo, mentre il genere e il tipo sono a sorpresa.

Che dire. Fa piacere leggere che Grenoble, l’affascinante cittadina francese, spesso salita all’onore delle cronache per l’alto tasso di criminalità, abbia deciso di mettere la cultura in primo piano, dopo che nel 2014 si era già resa protagonista di un’altra iniziativa innovativa, facendo eliminare i cartelloni pubblicitari dalle vie della città. Non ci resta che ringraziare il sindaco. Grazie Eric.